Magione: sparatorie ottobrine [LUNGO]

Report e foto uscite in pista

Moderatori: parigina, sandrino

Magione: sparatorie ottobrine [LUNGO]

Messaggiodi Gunner il Mer 03 Ott 2007, 22:07

Meriggiare pallido e assorto in mezzo all’Umbria, il silenzio della campagna sta per essere nuovamente squarciato dalle cannonate dei bicilindrici e dalle raffiche dei frazionati.

The five horsemen:

- Gunner e Vipera configurazione pignone -1
- Nicolaus e SV1000S appena convertita anche lei al pignone -1
- Imbustato e CBR600F “Biker Boyz Replica”, denti tolti e messi quanti un dentista: rapporti super corti per fare una (moto) “sveltina” hehehe
- Eio 70 con una miticissima R1 2000 arzilla, nelle sue plastiche originali (è stradale con specchietti e tutto) nonostante gli 88.000 km! Da tempo monta corona +3 denti: una moto cortina… da ‘n pezzo!
- Devis con R1 ‘03 del fratello, ha un incentivo alla lentezza: appunto il fratello, che lo aspetta a casa con la vasella in caso di graffio

Il sole bacia i belli. E questi allora che c’entrano? Comunque, da sx: Nicolaus (Mc Gyver), Eio (Chuck Norris), Gunner (quello bello), Devis (large), Imbustato(small)
Immagine

Nella chiacchiera pre – pista cerco di stimare il potenziale di Eio (gli altri giàssànno di esser merende predestinate). Salta fuori che Eio ha notevoli trascorsi agonistici di Muay Thay. Memo: ha ragione lui. Così, di default. In generale. Non c’è un perché (ahia!).

Purtroppo si parte male: secondo giro, gran nube di polvere sul mega rettilineo, pezzi di moto sparpagliati per decine di metri, due piloti esanimi a terra. “Diamine si sono presi dentro”, penso mentre passo con tutte le mani alzate, ma la realtà è anche peggiore.
Ai box, le testimonianze oculari: per ragioni incomprensibili (forse una reazione di panico a seguito di un guasto lungo la pista), un Monster S4 ha tagliato trasversalmente la pista cercando di accostare al bordo destro della carreggiata. Nel tratto più veloce della pista. Centro perfetto.
Siamo bloccati in pit lane: ambulanze tutte partite. Nervosismo palpabile, sia per l’accaduto (fortunatamente non tragico), sia per il tempo che passa. Noto la manina tremante. Il caos di quel rettilineo mi intimorisce sempre.

Finalmente entriamo, a turni, in attesa che rientri anche la seconda ambulanza. Iniziamo Nico, Eio e io (ma come mi vengono?), ma decido di aumentare subito il ritmo. Anche qui devo abituarmi ai rapporti corti: cambia la scelta delle marce, cambia l'utilizzo del gas. Guidare pensando a ogni mossa è una sfacchinata, tanta fatica e poca velocità. Decido di velocizzare l'apprendistato: GAAAAAAAAAAAZ! E finalmente arrivano le rivincite grazie a San Pignone:

1) il punto più stretto della pista (cuva sx + inversione + malefico micro tornantino dx)

PRIMA: la seconda era troppo lunga, il motore girava troppo basso, sembrava di stare in folle con la moto che allargava, cannavo regolarmente le traiettorie e uscivo BBBOOOOOOO col motore addormentato, una sofferenza fino al rettilineo principale.

ORA: il maggior freno motore mi permette di staccare sotto e tuffarmi nella prima a sx, dosando perfettamente la decelerazione. Prendo SEMPRE la corda (anche quando temo di essere "lungo"), mi trovo in posizione ideale per il pif - paf, plano con facilità alla corda del tornantino malefico, riprendo bello forte verso il "muro".

2) Il "muro"

PRIMA: percorrevo moscio e uscivo di seconda troppo lunga, prima che arrivasse la potenza passava un istante infinito... in cui le altre moto si allontanavano!

ORA: percorro meglio (sempre grazie al motore che gira più alto), e soprattutto WWHHOOOOOOAAAAAAAAAAAAAAAA la Vypera accelera come una furia!! Distinguo SUBITO le 600 e le bicilindriche 1000 che montano i rapporti originali: sono quelle che rischio di tamponare! Più di una volta devo uscire col gas in mano nel dubbio di ritrovarmi sul codone di quello davanti.

3) La doppia dx da terza a fondo rettilineo, punto libidine

PRIMA: anticipavo lievemente l'entrata, allargavo fin quasi al cordolo esterno, richiudevo bene la seconda corda e mi trovavo in posizione perfetta (a moto inclinata) per la staccata della doppia "S". Intimi rasponi di contentezza.

ORA: il maggior freno motore mi PREGA di conservare più energia = STACCARE PIU' SOTTO! Lo faccio e zakkete! Ritrovo le linee giuste e arrivo più veloce alla doppia "S", prima del rettifilo box. Libiiiidineeeeeeeeeeeeeeeeee…

4) rettifilo box: l'antimateria.
Almeno una volta nella vita, ci sono riuscito: mentre raddrizzo spalanco, davanti si alleggerisce, mi sposto all'esterno della moto, ginocchio dx piantato sul serbatoio stile motocross… micro derapino dietro, contemporaneo micro pennino davanti... parliamo di millimetri, ma è successo... un po' come quando Rubbia dice "ho creato l'antimateria" (quantità irrisorie che durano un nano - pico – cicciosecondo). Insomma, per un istante ho vissuto il mio sogno smanettonico di sempre.

(CONTINUA)
God made men, Samuel Colt made men EQUAL.
Gunner
Full Panza
Full Panza
 
Messaggi: 326
Iscritto: Sab 26 Mar 2005, 00:17
Località: Fornacette (PI)

Re: Magione: sparatorie ottobrine [LUNGO]

Messaggiodi Gunner il Mer 03 Ott 2007, 22:07

Nel frattempo, ovviamente, gli scozzi. In mezzo a una selva di Gixxers akkittati da guerra, (ma quanti ne han venduti??) spazzolo un innocente VTR-SP2, e mi concedo il croccante sapore di infilare in staccata una RSV1000 Fucktory con tutte quelle forche pittate oro. Il 749 con lo scarico trapana – recchie forse l’ho passato perché stava rallentando… ma il sollievo all’udito vale la pena di esser ricordato!

Beninteso ovviamente con i veloci non c'è nulla da fare: ricordo in particolare una CBR600RR nera prontopista, che mi infila e poi Rifila metri a ogni accelerazione. E (vergogna) non c'è stato verso di riacchiappare il Maledetto Manico con la BMW HP-2 Motardona.
Per finire con quella R1 2005 (100% originale…): sto VOLANDO sul dritto lungo, fisso il riferimento per la staccata, mi preparo... d'improvviso mi passa all'interno questa R1 blu! Sver-ni-cia-to di puro allungo! D'istinto riaggancio il riferimento e noto che lui anticipa la frenata... OK, ne stampo una di quelle belle e ripasso davanti. So che è vicino e tengo il ritmo, ricordandomi di NON resistergli se dovessi trovarmelo all'interno. Ma non succede. Dopo poco sento il fisico che cede e rientro ai box... il tipo dà un colpetto al clacson e fa un cenno di saluto. Più tardi, nel paddock, dirà di essersi divertito a seguirmi. Una bella stretta di mano. Questo era agli inizi, quando avrà i riferimenti corretti sarà uno di quelli che mi "sperdono"... tanto vale farselo amico!

Nel frattempo Nico è alle prese con un po' di malessere fisico e non rende come potrebbe... ma questo non gli impedisce di godersi la rabbia della SV1000 accorciata, battagliando degnamente con altri presenti, gustando l'emozione delle prime sbacchettate (raccontate con la faccina da maniaco hehehehe), l'energia delle staccate violente, la libidine di correre insieme a quelle moto che prima, sul dritto, gli andavano via. E la competiSCion sale!!!

Eio 70 aveva addosso la stanchezza del viaggio in moto, e le cautele di doverci tornare a casa, con la suddetta, carene originali e tutto. Quindi si rivela anch’egli piacevolmente merendabile, sempre salvo il fatto che ha ragione. Punto.

Devis è l’unico in pista che sta guidando con il passeggero, cioè con lo spirito di suo fratello grosso che lo minaccia fisicamente a ogni curva. Giustificato!

E finalmente riesco a fare qualche giro dietro all'Imbustato: ha il ritmo, segue buone traiettorie, frena sotto, percorre. Semplicemente deve guadagnare gli ultimi step di cattiveria. La sua CiBina Furious, per quanto aZZaurata e accorciata a dovere, rimane una 600 decisamente paciosa: ad ogni accelerazione trattengo la Vipera che vorrebbe azzannarla. Sul rettilineo box lo sento nettamente stirare a fondo una marcia e cambiare... mentre io sono già in terza in coppia e chiudo la distanza a vista d'occhio. In uno di questi momenti la Vipera non resiste, e completa il passone.

Così facendo, mi trovo alla coda di un'R6 trofeo che sta ingranando il suo ritmo. Sullo slancio, tento la staccata interna alla Merzario... ma il tipo mi vede, molla i freni e dentro, par d'essere in TV. Okay: tento di tenere la sua scia finchè posso. Stranamente non mi va via, anzi alla sx prima del tornantino malefico guadagno pure qualcosa! Ma come?!? Un trofeista difettoso! La febbre sale! Banzai!! Seguono 2,5 giri – spettaaaaaaòloooo in cui ora guadagno, ora perdo, ora ci riprovo… insomma resto dietro ma non mi semina, e alla fine cedo ai dolori di anche e ginocchia, rallentando mentre mi salva la bandiera a scacchi, soddisfatto come un purciello.
Rimane il piacere del rientro con l’ormai consueta pausa grill con i compagni – merende di merenda.

Byeee
Gun
God made men, Samuel Colt made men EQUAL.
Gunner
Full Panza
Full Panza
 
Messaggi: 326
Iscritto: Sab 26 Mar 2005, 00:17
Località: Fornacette (PI)

Re: Magione: sparatorie ottobrine [LUNGO]

Messaggiodi POTI il Gio 04 Ott 2007, 08:08

Certo che il tipo col monster ha fatto proprio una mossa azzeccata :lipsrsealed2:

Ma dico io come cavolo si fa a tagliare UN RETTILINEO in pista in quel modo??? mi auguro che stiano bene entrambi.

Per il resto del report che dire.... spassosissimo come sempre! Ugo sei un poeta della pista :daisy: :smok: :joker:
Avatar utente
POTI
PanzaBoy Official
PanzaBoy Official
 
Messaggi: 4460
Iscritto: Mar 25 Feb 2003, 10:05
Località: PIANIGA (VE)


Torna a In Pista (report)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Majestic-12 [Bot] e 4 ospiti

cron